39|09 InterAction by Design

 

InterAction by Design

Dal progetto dell’oggetto al progetto dei comportamenti: il numero esplora l’interazione come forma da disegnare per la costruzione di un mondo più intelligente e amichevole. Oltre l’high-tech, la tecnologia si nasconde all’interno del nostro mondo artificiale, per diventare una presenza quotidiana.

Dipendenze tecnologiche

interaction design Dipendenze tecnologiche Technology Addiction   Gli interfaccia gestuali che consentono all’utente di navigare tra contenuti audio e video, scaricare immagini, testi, film e musica, attraverso comandi gestiti dai movimenti delle mani su uno schermo, oppure anche da soli gesti stando distanti dallo schermo, sono possibili grazie al mix della tecnologia Bluetooth con videocamere…

0 comments

Augmented Design

a virtual roundtable Augmented Design   Tavola rotonda virtuale con: Lorenzo Imbesi, Derrick de Kerckhove, Donald Norman e Bruce Sterling   Lorenzo Imbesi: Come definireste l’Interaction Design? Quale pensate sia il ruolo della tecnologia nell’area del design e quale invece il ruolo del design nella tecnologia e nella società?   Bruce Sterling: L’“Interaction design” è…

0 comments

DESIGNing interACTIONS

technological behaviours DESIGNing interACTIONS   L’antropologia della tecnica ha messo in evidenza come l’agire umano sia indissolubilmente connesso con l’evoluzione tecnologica: sin dalla fabbricazione dei primi utensili dell’uomo, la tecnologia si pone come prolungamento, proiezione, anche moltiplicazione del vivente, mostrandone le capacità di modellare plasticamente il paesaggio che lo circonda. L’agire tecnico è cioè essenzialmente…

0 comments

TechnoFashion

diana eng | new york TechnoFashion   Diana Eng è una designer di wearables, cioè di tecnologia indossabile applicata agli abiti, con una propria linea di moda tecnologica e autrice del libro “Geek Fashion”. I suoi progetti come Inflatable dress, Heatbeat Hoodie e Blogging in Motion hanno girato il mondo. La abbiamo intervistata durante la…

0 comments

MaedaMedia

john maeda | rhode island MaedaMedia   “La complessità è la chiave per scrivere il prossimo capitolo per il graphic design.” (John Maeda, “Essay 2 of 3 for MdN Magazine”, 1995) “La semplicità e la complessità hanno bisogno l’una dell’altra” (John Maeda, “The Laws of Simplicity” (blog), 2006) 11 anni. Due affermazioni. Una intera evoluzione….

0 comments

L’Oggetto dell’Interazione

nodesign | paris L’Oggetto dell’Interazione The Object of Interaction   Il personal computer come lo vediamo oggi, è destinato a scomparire e le sue qualità tecnologiche a distribuirsi negli spazi e negli oggetti di uso quotidiano. Il computer si trasforma, diventa invisibile e la tecnologia si insinua nella vita di tutti i giorni, fino a…

0 comments

Oltre l’interazione naturale

ranjit makkuni | new delhi Oltre l’interazione naturale Beyond Natural Interaction   Ho avuto l’occasione di incontrare Ranjit Makkuni nel suo laboratorio, la Sacred World Foundation, a Delhi. Si tratta di un piccolo edificio, ricco di straordinarie opere d’arte tradizionali provenienti dall’India e dal Sud-Est asiatico e dei più innovativi dispositivi per il physical computing…

0 comments

Is This Your Future?

dunne & raby | london Is This Your Future?   La distopia è la proiezione di una società futuribile in cui viene tratteggiata con caratteri estremamente realistici una società, dove alcune tendenze già presenti sono portate ai suoi estremi apocalittici. Se il luogo dell’utopia rompe in maniera netta con il presente, a favore di una…

0 comments

La fabbrica dell’ingegno

Lego La fabbrica dell’ingegno The mind factory   Era il 1934 quando un giocattolaio danese decide di chiamare la sua piccola fabbrica LEGO, contrazione della locuzione danese “leg godt“ cioè “gioca bene”. Certamente un nome che sottintendeva un obiettivo ambizioso, tenendo conto che quello che produceva erano tradizionali giocattoli in legno. Ma nel 1949 LEGO,…

0 comments

WikiCities

senseable city | mit WikiCities   Luogo di convergenza tra architettura, urbanistica, sociologia e interazione uomo-computer, il MIT senseable city lab si occupa dei rapporti tra persone, città e nuove tecnologie.   Vi ricordate del 1995? Sono passati poco più di dieci anni, eppure sembra un secolo. Mosaic, il primo Internet browser, era appena comparso….

0 comments

Pervasive and Mobile

mobile experience lab | mit Pervasive and Mobile   Con la miniaturizzazione dell’elettronica, l’emergere di materiali sempre più “intelligenti”, e con l’informazione ubiquitaria e pervasiva, si aprono nuove prospettive per riprogettare interazioni fra persone, luoghi ed informazioni. Al MIT Mobile Experience Lab, parte del Design Lab, al Massachusetts Institute of Technology, progettiamo nuove tecnologie per…

0 comments

La dimensione invisibile del design

sound design | milano La dimensione invisibile del design The hidden dimension of design   “Oggetti Sonori, la Dimensione Invisibile del Design” è la mostra realizzata alla Triennale di Milano da un progetto di Marco Ferreri e Patrizia Scarzella, che ha avuto come soggetto il suono degli oggetti quotidiani.   Il suono è una “dimensione…

0 comments

Mighty Mouse

apple mouse|stanford Mighty Mouse   Nel 1980, la Apple Computer chiese ad un gruppo di ragazzi che avevano appena ultimato il Product Design Program a Stanford di prendere un dispositivo da 400 dollari e renderlo affidabile, economico e producibile in massa. Il loro lavoro ha trasformato il concetto di personal computing.   Dean Hovey era…

0 comments