01|02 Tool Toy

 

ToolToy

Il numero indaga la tendenza a progettare e produrre artefatti destinati all’uso quotidiano, come fossero oggetti pensati per il gioco; in modo ironico celano le vere prestazioni e funzioni dietro a immagini ludiche.

Disegno industriale

Il disegno industriale Tonino Paris [Editoriale] [diid 01|02] Gli oggetti artificiali invadono ogni momento della nostra vita quotidiana: nello spazio domestico, nella scuola e nei luoghi di lavoro, nella città e nel nostro tempo libero. Oggetti d’uso, oggetti tecnici come prolungamenti del nostro corpo, rispondono alle nostre esigenze che aumentano sempre di più; una straordinaria…

0 comments

Il mio ToolToy

Alexander Manu: Il mio ToolToy Gloria Arditi [Tool Toy] [diid 01|02] In quali elementi lei ha individuato il passaggio dallo strumento al gioco? Sono convinto che il passaggio fondamentale di qualsiasi oggetto dalla condizione di strumento a quella di giocattolo debba inserirsi nel contesto della gerarchia di Maslow, relativa ai bisogni primari dell’uomo. Se gli oggetti…

0 comments

Diario di un workshop

Family Follows Fiction: Diario di un workshop Laura Polinoro [Tool Toy] [diid 01|02] Questo workshop è cominciato nel febbraio 1991 e, dopo alcuni mesi di chiacchierate e di riflessioni con Alberto Alessi, Luca Vercelloni e Marco Migliari, è stato preparato un pamphlet di supporto al progetto di lavoro “F.F.F. – Family Follow Fiction” che è, poi,…

0 comments

My art is not a toy

Claes Oldenburg: My art is not a toy Gloria Arditi [Tool Toy] [diid 01|02] Claes Oldenburg nasce a Stoccolma nel 1929; naturalizzato americano, frequenta la Yale University, dal 1946 al 1950; successivamente si iscrive all’Art Institute di Chicago; dal 1956 vive a New York e dal 1978 lavora con Coosje van Bruggen. Dal loro sodalizio fatto…

0 comments

Oggetto ironico

Oggetto ironico Lucia Pietroni [Tool Toy] [diid 01|02] Il tema dell’ironia, del gioco, dell’emozione e del piacere, come strumenti della creatività umana, non è mai stato indagato in modo sistematico dai teorici e dagli storici del design. Su questo tema non si è mai sviluppata una profonda riflessione, pur riconoscendo ai designer, soprattutto italiani, un…

0 comments

Arne Jacobsen e la 3107

Arne Jacobsen e la 3107  Carla Farina [Close Up] [diid 01|02] La genesi del progetto della sedia 3107 è complessa e non può essere ricostruita senza il supporto di un inquadramento storico, di una descrizione del contesto culturale e di una sintesi del profilo dell’autore: l’architetto Arne Jacobsen (1902 – 1971). Egli fu attento a…

0 comments

Caffè Pedrocchi. Le ragioni di una scelta

Caffè Pedrocchi. Le ragioni di una scelta  Umberto Riva [Close Up] [diid 01|02] La scelta delle sedie per la nuova sala ottagonale del Caffè Pedrocchi di Padova, in alternativa al ridisegno di quelle progettate dallo Jappelli in legno, è stata complessa. Da un lato c’è stato un vincolo di costi e dall’altra la volontà di…

0 comments

New Beetle: Nuovi scarafaggi

New Beetle: Nuovi scarafaggi  Carlo Branzaglia [Close Up] [diid 01|02] La New Beetle è una dimostrazione massiccia (anche in termini volumetrici) delle problematiche comunicative inerenti al design contemporaneo. Quello che, certe volte, sfiora le soglie del gadget facendo prevalere sensibilmente il valore simbolico sul valore d’uso; compatibilmente a una cultura materiale che legge gli oggetti…

0 comments

Continuità di forma

Continuità di forma  Carlo Martino [Close Up] [diid 01|02] Nell’ambito di un’indagine su un prodotto di design, finalizzata ad evidenziare contributi alla ricerca e alla didattica nella disciplina, il progetto della New Beetle è significativo soprattutto per due motivi: il primo relativo al suo valore simbolico di oggetto ludico, sedimentato nell’immaginario collettivo, il secondo per…

0 comments

Design supermarket

Design supermarket  Carlo Martino [Designer] [diid 01|02] La figura di Stefano Giovannoni emerge nella scena internazionale del design contemporaneo per i numerosi prodotti divenuti emblematici grazie alla forte carica espressiva e all’originale linguaggio: si ricordano lo sgabello Bobo per Magis, la saliera Lilliput o lo scopino Merdolino per Alessi. Nato a La Spezia nel 1954,…

0 comments

Semplici idee

Semplici idee Loredana Di Lucchio [Factory] [diid 01|02] La Magis nasce nel 1976 come azienda di produzione senza fabbrica. Tra gli oggetti esemplificativi della sua produzione ci sono la sedia X-Line, in tondino e lamiera di acciaio, del designer Niels del 1979 e la scaletta Step, in tubolare di acciaio e pedate in ABS, dei…

0 comments

Il diploma dell’Ensci

Il diploma dell’Ensci Federica Dal Falco [School] [diid 01|02] Questo primo contributo apre il confronto tra diverse esperienze didattiche a livello internazionale, nella convinzione che lo scambio culturale tra le Scuole e l’informazione sui differenti approcci e sui risultati conseguiti sia un elemento trainante e un punto di forza dello sviluppo e del miglioramento dell’offerta didattica.   La Scuola nasce…

0 comments